"Ero nata per studiare e non ho mai fatto altro, in un secolo nel quale le ragazze si occupavano esclusivamente  di trine all’ago e di budini di riso. Fu un male o  fu un bene? Non so, ma sento che se rinascessi tornerei da capo”.

Avvocata Lidia Poet, prima donna italiana iscritta nell’albo degli avvocati dal Consiglio torinese nel 1883 e reiscritta nel 1919.

TRIBUNALE PER I MINORENNI DI TORINO- DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE E DI CONTROLLO SANITARIO PER LA PREVENZIONE DEL CONTAGIO DA SARS-COVID19, A SEGUITO DELL'ENTRATA IN VIGORE DEL D.L. 24/03/22 N. 24 E DELL'ORDINANZA DEL MINISTRO DELLA SALUTE IN DATA 28/04/22